Come evitare la patrimoniale sui tuoi risparmi

Tasse sulle rendite finanziarie, patrimoniali sui risparmi, prelievi forzosi sul conto corrente. Il rischio esproprio è sempre alto in Italia. Come difendersi legalmente!

Obbligazioni ad alto rendimento

I tassi sui titoli di Stato, obbligazioni e conti deposito sono ai minimi. Rendimenti e rischi delle obbligazioni High yield. Quali le migliori?

Come dichiarare e pagare l'Ivafe

Dichiarazione fiscale delle attività finanziarie all'estero (inclusi conti correnti e forex). Come dichiarare l'Ivafe, il bollo sulle attività all'estero.

Quali tasse si pagano per i guadagni sul Forex?

Ci sono tasse sul Forex? Quali e come si pagano? Dall'Ivafe al capital gain, ecco come dichiarare e pagare al Fisco le tasse sul Forex.

Migliori conti correnti a zero spese

Classifica migliori conti correnti senza spese. Dove non si paga il bollo. Confronto banche online.

lunedì 26 giugno 2017

Posso vivere di rendita? Qualche semplice calcolo

Vivere di rendita: cosa occorre? Ovviamente se ci sono le condizioni è possibile vivere di rendita. Occorre innanzitutto un patrimonio adeguato al proprio stile di vita che ovviamente deve essere quantificato.

C’è però in questo periodo un ulteriore particolare che complica questo amato desiderio ed in particolare che viviamo in un’epoca con tassi di interesse nulli se non addirittura negativi. Detto in altri termini è una condizione favorevole per chi si vuole indebitare e non per chi vuole campare di rendita! Aldilà del patrimonio a disposizione, aldilà della vita morigerata che si possa condurre è evidente che se spendi, ma il patrimonio ha un rendimento nullo, a meno che non sia infinito, viene soltanto eroso.

venerdì 23 giugno 2017

I mercati azionari sono al massimo?

La Banca d’Italia rende noti mensilmente gli acquisti di azioni quotate italiane ed estere (netti, ossia gli acquisti meno le vendite) da parte dei fondi comuni di investimento1, ossia da parte degli italiani che hanno deciso di affidare i loro soldi ai gestori. Con un certo margine di errore possiamo dire che conosciamo il comportamento di acquisto degli italiani “più sofisticati”. Quelli che investono in azioni attraverso un saggio strumento di diversificazione.

mercoledì 21 giugno 2017

Conto Zerotondo di Intesa non sarà a 0 euro

Sei pronto a pagare fino a 120 euro Panno per Zerotondo? Si, proprio “quello” Zerotondo, che Banca Intesa ha venduto per anni spacciandolo per un conto a “costo zero”. Se lo hai aperto prima del 2009 e hai una giacenza media da 10.000 euro in su, pagherai 10 euro al mese, 120 l'anno. Da 0 a 120, quindi. A seconda di giacenza e “anzianità” del correntista, i rincari andranno da 0,2 euro (se sei un cliente recente e hai una giacenza media annua tra 2.000 e 3.000 euro) a un massimo di 10 euro al mese, partiranno il 1° agosto e riguarderanno anche altri conti Intesa. Cambia banca. Ecco alcuni consigli ...

lunedì 19 giugno 2017

Banca Intesa aumenta il canone. Come difendersi

In un mondo alla rovescia, dove per depositare i soldi in banca bisogna pagare (e non più farsi pagare), i conti correnti a costo zero sono rari, ma non impossibili da trovare sul mercato. A partire dalle banche multicanale o online, alcune delle quali offrono soluzioni a prezzi molto contenuti e tutto sommato complete dei servizi di base, come carte di debito e di credito e possibilità di pagare le tasse con gli F24 via Internet. In generale si può dire che in media un costo annuo accettabile per un c/c non dovrebbe superare le poche decine di euro l'anno (carte comprese).

Per questo fa riflettere la novità che Intesa Sanpaolo introdurrà il prossimo 1 agosto. In una recente comunicazione la banca ha avvisato i suoi clienti che sul conto corrente sarà applicato un rincaro mensile fino a un massimo di 10 euro, ovvero 120 euro l'anno. L'importo dipende dall'anno di apertura e dalla giacenza media (calcolata nel 2016). E sufficiente aver acceso il conto prima del 2009 e aver avuto in media lo scorso anno 10 mila euro sul c/c per incappare nel rincaro. Gli aumenti si aggiungeranno ai canoni già in corso, esonerati invece i depositi che nel 2016 erano sotto quota 2 mila euro In generale sono colpiti tutti i conti correnti storici di Intesa come Zerotondo, che non prevedeva canone, e Conto Facile. In totale circa un terzo dei correntisti saranno interessati da questo aumento.

Il motivo del ritocco? I tassi ai minimi. Non a caso le giacenze sui c/c ormai da tempo non sono più remunerate dalle banche. E ora i conti diventano perfino un costo per la banca, come ha scritto l”istituto guidato da Carlo Messina ai propri correntisti nella missiva che li avvisa del rincaro: «Negli ultimi anni la discesa dei principali tassi di riferimento sul mercato addirittura in area negativa ha determinato un persistente impatto sfavorevole sull'attività di deposito, gestione e remunerazione della  liquidità.  La Bce applica oggi un interesse negativo (-0,4%) ai soldi che le banche depositano presso di lei››.

Anche i clienti di Deutsche Bank hanno avuto in queste settimane un’amara sorpresa: il gruppo tedesco li ha avvisati che a fine giugno saranno addebitati 24,32 euro una tantum per coprire i versamenti della banca al Fondo nazionale di risoluzione legato alla disciplina sul bail-in (per i quattro gruppi falliti nel 2015, Cariferrara, Banca Etruria, Banca Marche e Carichieti, le banche sane hanno dovuto versare 4,5 miliardi).

Mossa simile per il Banco Popolare, che a fine 2016 ha applicato ai suoi correntisti una spesa di liquidazione di 25 euro. Ma questi aumenti non sono un caso isolato tra le grandi banche tradizionali.
Tant”è che la Banca d°Italia di recente ha acceso un faro sulle modifiche unilaterali dei conti correnti, richiamando gli operatori al rispetto dei criteri di trasparenza e correttezza. Via Nazionale, con una comunicazione firmata dal governatore Ignazio Visco, ha chiesto agli istituti di riesaminare le variazioni decise da gennaio 2016, procedendo, nel caso, anche alla restituzione delle somme prelevate.

Una conferma della presenza di rincari arriva anche dall'analisi di MF-Milano Finanza sugli isc (indicatore sintetico di costo) di un campione di conti correnti per le famiglie dei principali istituti italiani ed esteri attivi in Italia. L”isc serve a capire quanto costa davvero un conto corrente e a confrontare tra loro i vari prodotti. E un parametro elaborato secondo una metodologia omogenea fissata dalla Banca dlltalia (non comprende però l'imposta di bollo di 34,2 annui obbligatoria per legge e dovuta se la giacenza media è superiore a 5 mila euro). In base alle istruzioni in tema di trasparenza emanate nel 2009 dall'istituto centrale, le banche devono calcolare e pubblicare gli isc nei fogli informativi e negli estratti conto di fine anno. Questo isc serve a mostrare al consumatore il costo indicativo annuo del conto corrente, espresso in euro.

Il valore è ottenuto sommando i costi annuali, fissi e variabili, del conto corrente modellati su sei profili tipo: giovani (164 operazioni all'anno), famiglie con operatività bassa (201 operazioni l”anno), famiglie con operatività media (228 operazioni), famiglie dall°operatività elevata (253 operazioni), pensionati dall°operatività bassa (124 operazioni l'anno), pensionati dallloperatività media (189 operazioni). Il correntista può così paragonare l”isc del suo conto con il totale delle spese effettivamente sostenute nell'anno.

Grazie a questo indicatore, inoltre, è più facile e immediato confrontare i costi dei conti correnti offerti sia dalla stessa banca sia da istituti diversi. Ma l°isc viene anche aggiornato quando cambiano le condizioni e quindi permette di accertare se le banche hanno effettuato nel tempo eventuali variazioni, in negativo o in positivo, delle spese. Ecco perché MF-Milano Finanza ha raccolto gli isc dei conti correnti più comuni (a pacchetto) disponibili nell”ultimo aggiornamento delle note informative. E' stato considerato il profilo famiglie con operatività media. E questi valori sono stati confrontati con gli stessi isc che erano contenuti nelle note informative di inizio anno e con quelli di settembre 2016.

Dall'analisi dei dati emerge che alcune banche hanno effettivamente aumentato i costi. D'altra parte, pur essendo in recupero, il momento non è dei più facili per i bilanci degli istituti di credito, stretti tra tassi bassi, impegni nel Fondo di risoluzione e commissioni legate all'asset management che rappresentano una variabile troppo legata all'andamento dei mercati per poterci costruire un bilancio. Di qui la tentazione di aumentare i costi dei conti correnti, che sono una voce fissa.

Ebbene, tra i conti correnti che, rispetto alla rilevazione di gennaio, hanno registrato un aumento dell'isc ci sono Bnl (gruppo Bnp Paribas), Cariparma (Credit Agricole) e Ubi Banca. In particolare In Novo Conto Pratico ha visto salire il suo indicatore da 106,95 a 151,95 euro per l”operatività allo sportello, mentre l'isc per chi opera online è rimasto invariato. Quanto alla controllata dell'altra banca francese, il c/c Famiglia di Cariparma ha avuto un incremento dell'isc di quasi 10 euro (da 166,15 a 175,15 euro) per l'operatività allo sportello e altrettanto per il profilo di utilizzo online (da 127,79 a 136,79 euro). Intanto l'isc del conto Qubì di Ubi è salito da 86,1 a 92,1 euro (sportello) e da 75,1 a 81,1 euro (online).

C'è poi il caso di Intesa Sanpaolo che nell'autunno dello scorso anno ha sostituito lo storico conto Facile con il conto XMe, un c/c modulare con canone mensile di 6 euro (72 all”anno) che può azzerarsi se al conto è collegata una gestione patrimoniale di Eurizon Capital sgr o ridursi a 4 euro al mese se c'è l'accredito dello stipendio o della pensione. Per l'operatività allo sportello l”isc del conto XMe è di 187,8 euro (98,8 euro in promozione il primo anno per aperture entro il 30 giugno). Il conto Facile aveva, invece, un isc di 115,8 euro. Nell'utilizzo online il primo ha un isc di 179 euro (90 in promozione) a fronte dei 95 euro del Facile.

Di fronte a questi rincari si più sempre scegliere di cambiare banca. Llentità di risparmio ottenibile passando da un conto all'altro può arrivare a 100 euro, con picchi di 180 euro, come risulta dall”ultima analisi dell'Antitrust sui costi dei servizi bancari in Italia. Ma dall'ultimo osservatorio Digital Banking index di CheBanca emerge che la portabilità è ancora poco conosciuta e si diffonde lentamente. E quindi, sottolinea l”analisi di CheBancal, l'aumento di conoscenza dei vantaggi della portabilità per il cliente potrebbe generare nei prossimi mesi un forte impulso al turnover della clientela, ma deve essere promosso con un'adeguata comunicazione.

In effetti sia la portabilità dei c/c e sia quella dei mutui esistono da anni (presero entrambe il via con i decreti Bersani del 2007 che per i conti abolirono le spese di chiusura), ma la prima, al contrario della seconda, è poco praticata perché, oltre alla scarsa conoscenza da parte dei risparmiatori, la la resistenza di alcune banche nel pubblicizzare questa possibilità e poi nel concreto nell”agevolare il cambiamento.

Non a caso negli ultimi tempi si sono succeduti una serie di provvedimenti normativi per cercare di risolvere la questione. Da metà 2015 è entrata in vigore la nuova procedura per il trasferimento dei conti correnti previsto dalla legge 33 del 24 marzo 2015. In pratica la normativa di due anni fa prevede che chiunque intenda cambiare banca può chiedere al nuovo istituto scelto di occuparsi degli aspetti burocratici del trasferimento, basta compilare un modulo. Il cliente deve rivolgere la sua richiesta direttamente alla nuova banca, che provvede a inoltrarla alla banca originaria. Firmando la richiesta di trasferimento, il correntista identifica specificamente le operazioni richieste e autorizza la nuova banca e la banca originaria a compiere quanto necessario allo svolgimento del servizio di trasferimento.

Che si deve svolgere entro 12 giorni lavorativi a partire dalla data in cui la nuova banca riceve la richiesta del cliente. Ma non sempre questo lasso temporale è stato rispettato. Ora però sono in arrivo novità destinate ad agevolare le procedure. Il decreto emanato a marzo dal Consiglio dei ministri, in attuazione della direttiva sui conti di pagamento (2014/92/ Ue del Parlamento europeo e del Consiglio, del 23 luglio 2014), ha previsto che, in caso di ritardo, la banca dovrà versare al correntista 40 euro maggiorati, per ogni giorno di ritardo, di un importo determinato applicando, alla giacenza del conto al momento della richiesta di trasferimento, il tasso annuo massimo previsto ai fini delllusura (fino a fine giugno è il 25,12%). L”obbligo di questo indennizzo scatterà dal 14 giugno. <

In base alle tue esigenze, ti consiglio (cercando anche di sfruttare le promozioni):
  • Conto Corrente Arancio conto a zero spese comprensivo di bancomat e carta di credito gratuiti. Interesse del 3% sui vincoli a 6 mesi se accrediti lo stipendio
  • Fineco: conto a zero spese con bancomat. Il migliore per chi vuole fare trading
  • Widiba: conto a zero spese con bancomat e carta di credito gratuiti. Ha in corso una promo che offre buoni Amazon fino a 500 euro per chi apre il conto e vincola per 6 mesi (al tasso dello 0,9%) almeno 3.000 euro.

venerdì 16 giugno 2017

Azionisti e obbligazionisti Monte Paschi di Siena, cosa succede ora

Per i dettagli bisognerà aspettare gli accordi definitivi, ma a grandi linee il quadro à già noto. Partiamo dal caso più critico: le azioni. Per rispettare le regole europee gli azionisti dovranno pagare pesantemente. Le modalità pratiche di questo “sacrificio” dipenderanno dai due decreti del Governo non ancora emanati: quello che definirà i dettagli del burden sliaring ("condivisione degli oneri”) e quello che stabilità le condizioni dell'aumento di capitale con cui lo Stato sarà azionista di maggioranza di Mps. In teoria È possibile che le vecchie azioni non siano del tutto annullate, ma che l'aumento di capitale preveda un numero di azioni cosi alto e un prezzo cosi basso da estromettere o quasi i vecchi azionisti. In tutti i casi il tuo investimento sarà in pratica azzerato: a questo non c'è scampo.

giovedì 8 giugno 2017

Come incassare buoni fruttiferi postali scaduti

Sono in possesso, come mio fratello, di un Bfp a termine della durata di 6 anni (informazione ricevuta solo dopo la scadenza) caduto in prescrizione il 31 gennaio 2017, io leggendo per caso un articolo, ho giusto scoperto della prescrizione verso fine febbraio 2017, un mese dopo. Mi sono ovviamente rivolta alle Poste dopo essermi informata sulla normativa in vigore e i dipendenti sembravano essere del tutto all'oscuro di questa legge sulla prescrizione!
Solo il direttore è riuscito a fornirmi alcune informazioni dicendomi che dovevo inviare una richiesta di rimborso alla Cassa depositi e prestiti, la quale, è stata rifiutata giusto verso metà aprile. Mi sono rivolta a un avvocato e all’Adux, perché penso che questo sia un vero e proprio furto legalizzato, in quanto non viene nemmeno restituita la somma versata senza gli interessi fruttati.

mercoledì 7 giugno 2017

Classifica miglior conto deposito giugno 2017

I rendimenti dei migliori vincoli a 36 mesi calano a quota 1,6% effettivo Sui 12 mesi si spunta anche l’1,43% netto La risalita dell’inflazione e l’incerto scenario all’orizzonte, iniziano a condizionare anche chi cerca sicurezza nei conti di deposito in attesa di vedere quale quadro si profila per l’Europa post Qe.

Da quanto emerge infatti dall’Osservatorio di conti di ConfrontaConti.it, rispetto al secondo semestre 2016, nei primi quattro mesi del 2017 crescono le richieste di conti deposito di tipo non vincolato (55,8% contro 27,1% del semestre precedente) e sono invece in flessione le richieste per i conti depositi di tipo vincolato (44,2% contro 72,9% del II semestre 2016). Insomma il ragionamento degli aficionados a questa tipologia di soluzione è il seguente: meglio non vincolare i soldi su un orizzonte troppo lungo in quanto si rischia di perdere qualche occasione sul fronte del reddito fisso che potrebbe garantire in futuro una maggiore protezione dall’aumento del carovita. Se infatti negli ultimi anni i conti di deposito più generosi hanno protetto il potere d’acquisto, con un rendimento offerto che batteva l’inflazione (scesa sotto zero), più di recente il discorso è cambiato e l’impennata dell’indice dei prezzi ha spiazzato anche questo tipo di impiego della liquidità.