Come evitare la patrimoniale sui tuoi risparmi

Tasse sulle rendite finanziarie, patrimoniali sui risparmi, prelievi forzosi sul conto corrente. Il rischio esproprio è sempre alto in Italia. Come difendersi legalmente!

Obbligazioni ad alto rendimento

I tassi sui titoli di Stato, obbligazioni e conti deposito sono ai minimi. Rendimenti e rischi delle obbligazioni High yield. Quali le migliori?

Come dichiarare e pagare l'Ivafe

Dichiarazione fiscale delle attività finanziarie all'estero (inclusi conti correnti e forex). Come dichiarare l'Ivafe, il bollo sulle attività all'estero.

Quali tasse si pagano per i guadagni sul Forex?

Ci sono tasse sul Forex? Quali e come si pagano? Dall'Ivafe al capital gain, ecco come dichiarare e pagare al Fisco le tasse sul Forex.

Migliori conti correnti a zero spese

Classifica migliori conti correnti senza spese. Dove non si paga il bollo. Confronto banche online.

venerdì 24 febbraio 2017

Buoni postali Poste serie P/O del 1986

Devo incassare un Buono postale fruttifero (Bpf) serie P/O emesso il 28 maggio 1986 per 500mila lire. Sul retro del buono è presente una griglia di importi con righe (per gli anni) e colonne (per i bimestri) e una scala di tassi. Con riferimento alla scala di tassi, faccio presente che a quella prestampata (graduata in base alla durata) se ne sovrappone un’altra con timbro postale (pure graduata in base alla durata ma con percentuali diverse). La griglia prestampata si sviluppa nel seguente modo: si va dal 9% del primo anno all’11% per il periodo che va dal sedicesimo al ventesimo anno. Mentre le percentuali apposte con timbro postale al momento dell’emissione sono le seguenti: 9% nel primo anno, 15% dal sedicesimo al ventesimo.

mercoledì 22 febbraio 2017

Btp a 50 anni. Investire ora?

Dopo i recuperi parziali della seconda metà di dicembre, il movimento al ribasso è ripreso incessante e i corsi hanno sfondato quota 80: lunedì 6 e martedì 7 febbraio il BTp “matusalemme” ha quotato rispettivamente a 78,27 e 79,9, con un rendimento effettivo lordo annuo a scadenza del 3,72 e 3,71 per cento. Solo mercoledì 8 febbraio, secondo gli ultimi dati disponibili, il BTp primo marzo 2067, cedola fissa 2,8% e codice Isin IT0005217390, è tornato a quotare 80,35 con un rendimento tornato al 3,69% annuo. Plus24 aveva già acceso un faro sul BTp a 50 anni il 26 novembre scorso, nell’imminenza del referendum costituzionale italiano di domenica 4 dicembre al cui esito molti analisti legavano l’andamento del primo titolo di Stato a 50 anni, mentre altri ritenevano che i corsi fossero slegati.

lunedì 20 febbraio 2017

Btp collegati a inflazione

Visto che alcuni sostengono che il mercato non crede all’inflazione fino a quando non la vede, gli ultimi recenti dati in rialzo sul caro-vita dovrebbero adesso portare gli investitori a puntare sugli inflation linked (si veda anche la rubrica a pagina 32). Premesso che l’inflazione è sì cresciuta ma non sta certo galoppando, è come sempre opportuno tenere d’occhio la “giusta” percentuale da dedicare nel portafoglio a questi titoli ed evitare il fai da te.

In una fase di forte incertezza politico-economica che si sta attraversando a livello mondiale in questo periodo, gli investitori hanno premiato la solidità della Germania e allo stesso tempo hanno penalizzato quelle realtà caratterizzate da un maggior grado di instabilità presente (Italia) o futura (Francia).

lunedì 13 febbraio 2017

Migliori conti deposito febbraio 2017

Del conto deposito vincolato Esagon e del Credito Fondiario, banca a cui abbiamo assegnato un giudizio sulla solidità di 4 stelle su un massimo di . L’analisi e le sue conclusioni sono ancora valide. Te le riassumiamo di seguito.

I rendimenti offerti sui vincolati a 12, 18, 24, 36, 48 e 60 mesi, rispettivamente, l’1,5%, 1,9%, 2,25%, 2,5%, 2,75% e 3% lordi annui, l’1,11%, 1,4%, 1,66%, 1,85%, 2% e 2,22% netti, garantiti fino al 28 febbraio, sono interessanti – solo nel caso del vincolato a 12 mesi l’offerta della Bcc di Cagliari con il 2% lordo annuo supera quella di Esagon (1,5%), mentre in tutti gli altri casi è sempre la miglior offerta.

sabato 4 febbraio 2017

Perché aderire all'aumento di capitale Unicredit 2017

Alcune domande e risposte sul prossimo aumento di capitale di Unicredit. Al momento di andare in pubblicazione i valori delle azioni per l'aumento sono stati resi noti. Non cambiano comunque le valutazioni riportate nell'articolo.

Unicredit ha raggruppato le azioni: che significa? Ho paura che questo penalizzi il mio investimento…
No, il raggruppamento in sé non ha effetti sul tuo capitale: se prima avevi 100 azioni al prezzo di 2,7 euro, 270 euro in tutto, ora ti ritrovi con 10 azioni dal prezzo di 27 euro. Il valore complessivo è ancora 270 euro: non è cambiato.

venerdì 3 febbraio 2017

Perché non fidarsi in toto del fondo di garanzia delle banche

Sei sicuro… di essere al sicuro? Perché consigliamo di stare alla larga dalle banche “a rischio” anche per cifre inferiori a 100.000 euro? Dopotutto, c’è la garanzia! Sì, ma le garanzie al 100 % non esistono: ecco tutto quello devi sapere, anche se molti preferiscono non dirtelo. È vero, i conti correnti e i conti deposito con un importo inferiore a 100.000 euro per depositante non sono coinvolti in un eventuale bail-in e sono coperti dal fondo interbancario di tutela dei depositi. Suddividere i tuoi capitali su più banche, per evitare di superare questo limite, è quindi un buon punto di partenza. Ma la garanzia del fondo non è un motivo sufficiente per affidare a cuor leggero i tuoi soldi a una banca “qualunque”. primo: ma il fondo basta davvero ? Secondo gli ultimi dati disponibili, il fondo garantisce depositi per 515 miliardi di euro, ma ha a disposizione al suo attivo meno di 2 miliardi di euro.

venerdì 13 gennaio 2017

Come trovare la migliore assicurazione RC Auto tramite Internet

Genialloyd, Direct Line, Genertel, Linear, Zurich Connect. Crescono gli italiani che scelgono di fare una polizza con le compagnie online. Del resto, la rivoluzione digitale sta ridisegnando il settore assicurativo che, sull’onda tecnologica, è impegnato nel proporre prodotti più personalizzati e più semplici da capire. Così, sempre più spesso, soprattutto nell’Rc auto, automobilisti e motociclisti si rivolgono a internet per costruirsi una polizza direttamente online, riuscendo magari a risparmiare tempo e denaro.